mercoledì 24 dicembre 2014

Puntata 143, IL PODCAST

Inizio di puntata con Gianfranco Carpeoro, tra gli argomenti che toccheremo ci sarà quello della figura di Bettino Craxi e dei delitti rituali. Poi Alessandro e Alessio De Angelis ci sveleranno la parte finale delle loro ricerche su Gesù. Quindi andremo a ruota libera con Paolo Franceschetti. Border Nights va in onda ogni martedi alle 22 su Web Radio Network. Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu


4 commenti :

  1. Si Carpeoro, la tua analisi su Craxi la posso anche condividere, c'è un però che sento di dover precisare: dire Craxi non è dire tutta la serie di mezze tacche che erano presenti nel psi o nell' allora pentapartito, alcuni assai squallidi davvero, che, come al solito, parassitano all'ombra dei grandi capi, e senza i quali, non saprebbero manco allacciarsi le scarpe...; così come dire Berlusconi, non è dire poi tutta la masnada immensamente peggiore di lui, che accompagna forza italia o tutto il pdl; credo che su questo tu possa concordare no? Ed io ritengo anche che sia il grande circo che balla grazie ai leader che determina poi la rovina dei leader stessi..., sei d'accordo? (c'è anche da precisare che ognuno ha i collaboratori che si merita però..)
    Poi certo, col senno di poi, visto dove siam finiti, se ci fosse un pulsante per tornare alla cosiddetta prima repubblica, non esiterei un istante a premerlo...; ecco perchè nel precedente commento (letto in trasmissione), ho affermato che sentire Gioele Magaldi annunciare la nascita di una sua formazione politica (va bene formazione? visto che avete precisato essere un movimento e non un partito come da me detto? senza peraltro dare un vostro parere sulla questione), mi lascia assai assai assai perplesso...( per non dire che mi fà cascare le palle)
    Anche perchè dire Magaldi non sarebbe, anche in caso di una sua impossibile affermazione oltre il 3%, dire poi tutta la compagine che ne seguirebbe...,come nei due esempi sopracitati.
    E comunque, Carpeoro risponde chiaramente alle domande che gli vengono fatte, oppure non risponde spiegandone il motivo, non dribbla sibillino (come usan fare i soliti politici) come invece ha fatto per tutta l'intervista Gioele...; E quindi non è corretto dire che i massoni usano rispondere tutti in quel modo, come voi in qualche modo avete voluto giustificare...
    Quanto a Leo Tzagami..., il suo movimento dei forconi....che vaccata pazzesca!!!!
    Vedete poi, che personaggi che si aggregano oltre a Leo? ( che come Gioele mi ispira una certa ambiguità )
    Comunque, rinnovo la simpatia per te Fabio, che fai sempre le domande e le osservazioni (e le battute) giuste (secondo me), e anche per Paolo, e voglio portare alla vostra attenzione una scena del film "E' forte un casino", con Bombolo & Cannavale (reperibile su youtube integralmente), al minuto 13.07, sono in un giardino, Cannavale all'amico che si china a raccogliere una rosa (rossa), dice: ma che stai facendo? non si può lasciare una rosa incustodita che te la fotti? poi cambia scena, sono all'interno della casa e sullo sfondo a sinistra, si vede un mazzo di rose rosse in un vaso (minuto 13,28 in poi) ; il tutto è assolutamente gratuito e non ha assolutamente nessuna attinenza con la vicenda narrata nel film (pessimo)...
    Mi ha lasciato molto perplesso e non mi sembra proprio per niente una scena casuale, voi che ne dite?
    Buone feste e buon anno, che per Border Nights prevedo, si prefigura molto intenso e interessante più che mai.
    Michele

    RispondiElimina
  2. Le tesi di Carpeoro sono sempre interessanti e degne di riflessioni. Peccato che su alcuni temi si trasformi da persona diretta e dal linguaggio esplicito a uno che risponde in maniera un tantino sibillina. Nel caso dei palestinesi dire che la colpa è del governo mi sembra quanto mai superficiale considerato che buona parte degli israeliani condivide il regime di apartheid sionista che consente l'occupazione illegale della Cisgiordania, il recente massacri di civili a Gaza (2200 morti, un quarto bambini) e tutta una serie di disposizioni razziali e violazioni dei diritti umani che hanno fatto scrivere a Mandela che in Palestina vige un apartheid "peggiore di quello avvenuto in Sud Africa". Probabilmente certe frequentazioni inducono una certa "moderazione" su questi temi. Grazie per l'ottima trasmissione e continuate così.

    RispondiElimina
  3. quando ritornate, dove siete?? vi voglio bene.

    no all aristocrazia massonica di sinistra

    RispondiElimina
  4. dire "cose indegne di una intelligenza come la tua" mi pare sia una tua abitudine. ...tanto vale... una più una meno...

    RispondiElimina