lunedì 8 febbraio 2016

Antonino Arconte e Glenda Mancini a Border Nights


Torna martedi alle 22 in diretta su Web Radio Network (www.webradionetwork.eu, anche da mobile tramite applicazione "webradionetwork") un nuovo appuntamento con Border Nights, con la partecipazione di Paolo Franceschetti che spiegherà tutti i retroscena della sua assenza nella scorsa puntata. Primo ospite della puntata sarà Antonino Arconte, ex componente di Gladio ed autore dei libri "Bengasi e dintorni" e "L'Ultima Missione. G-71 e la verità negata".

Nella seconda parte collegamento con Glenda Mancini, giovane criminologa autrice de "Uomini vittime di donne. Quando il sesso forte è debole" : "Il concetto di "violenza di genere" viene troppo spesso tradotto erroneamente dai mass media come "violenza esclusiva dell'uomo sulla donna", come se l'uomo fosse destinato a ricoprire sempre e solo il ruolo di carnefice e la donna quello di vittima. Invece è possibile affermare che esiste anche una violenza della donna sull'uomo che si manifesta con caratteristiche e tipologie considerate tipicamente maschili. Nella società in cui viviamo appare impensabile che l'uomo possa essere vittima di violenza da parte di una donna, tanto che non solo non viene denunciata, ma il più delle volte gli stessi uomini faticano a riconoscersi nel ruolo di vittima. Ci sono voluti anni di appoggio e supporto per incoraggiare le donne a denunciare la violenza domestica invece per incoraggiare gli uomini non è stato fatto nulla. È opportuno investire in ricerche senza schematismi, essere coscienti dei mutamenti della società, dei ruoli che si uniscono e si ridefiniscono".

Stefania Nicoletti intervista Michele Perrotta, ricercatore nel campo esoterico-spirituale che ci offrirà una lettura della Bibbia proprio seguendo questo filone.

Come sempre completeranno la puntata Maestro Di Dietrologia e la parte a ruota libera. Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu  







7 commenti :

  1. Sono molto contento che torni il buon Paolo :)

    Un abbraccio!

    Lucas

    RispondiElimina
  2. Oh, ben venga il ritorno di Paolo. L'appello straziante di Fabio in chiusura aveva lasciato tutti col fiato sospeso :) Vi lovvo!

    RispondiElimina
  3. Speriamo non si faccia più traviare dai soliti massoni

    RispondiElimina
  4. Il presidente delle ferrovie Bavaresi sulle quali si sono scontrati i due treni è di origine ebraica...e si chiama Rosenbusch, che significa "cespuglio di ROSE"...

    RispondiElimina
  5. Ma come mai, parecchi dei vostri ospiti, sono nelle foto,
    con le classiche "pose" ?? Massoniche?? no, cosi, pura curiosità.

    johndildo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sono massone, potrei mettermi in questa posa per sembrare più simpatico... lo sono a mia insaputa? :D

      Lucas

      Elimina
  6. Il lavoro del sig Perrotta e' gia' stato affrontato egregiamente dall sig Blavastky su "Dottrina Segreta", ovvero la bibbia come testo puramente esoterico, dove i vari nomi presenti, come Yahwe o Elhoim, hanno , attarverso la cabala, ovvero il peso numerico delle lettere, una valenza geometrica(i due nomi citati sopra sono il diametro e la circonferenza).Diciamo che Mose' fu un iniziato dai maestri egizi, e velo' le sacre scritture, e ,come sottolinea il sig Perotta, si ha un filo conduttore con la tradizione indiana dei Veda....il messaggio e' chiaro e lo conoscevano anche i greci , ed e' il messaggio dell'oracolo di Delfi, conosciuto bene anche da Socrate, nonostante non fosse un iniziato: CONOSCI TE STESSO, e conoscendo te stesso si scopre il dio nel proprio interiore e solo li e non certo nei templi.

    RispondiElimina