mercoledì 24 febbraio 2016

Puntata 186, PODCAST e PLAYLIST

Primo ospite della puntata sarà Gian Marco Bragadin. Ricercatore e divulgatore spirituale, scrittore ed editore di Melchisedek Edizioni. Con lui parleremo di coincidenze, sincronicità e molto altro. 
Nella seconda parte ci collegheremo con Leonardo della casa editrice Harmakis edizioni che ci parlerà di un evento in programma domenica 6 marzo a Bologna presso il Nuovo Cinema Nosadella alle ore 16,30 con il grande archeologo ed egittologo egiziano Dott. Zahi Hawass che terrà una Lectio Magistralis dal titolo "Magia delle Piramidi. Le mie avventure in Archeologia". 
Nella terza parte affronteremo insieme a Simone Di Giacomantonio l'argomento degli argomenti: liberarsi dalle gabbie, qualunque esse siano, per seguire la propria natura. Simone ha 40 anni e vorrebbe produrre dal basso il film-documento "My nature". "Cosa succede dopo aver realizzato un cambiamento tanto desiderato e ci si ritrova di nuovo in un gabbia, con una vita che non desideriamo? Questo documentario racconta la storia di Simone che ha 40 anni ed é nato a Caserta. E’ nato con genitali femminili, ma si è sempre sentito un bambino. 
Stefania intervista il giornalista Marco Gregoretti sulla morte di Giulio Regeni. Il Maestro di Dietrologia ci parla della figura di Umberto Eco. Border Nights va in onda ogni martedi alle 22 in diretta su Web Radio Network (www.webradionetwork.eu). Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu 

Playlist:

Fuad Almuqtadir - Bhromor Koio Giya
Bandabardò - E allora il cuore
 Lukas Termena - Jah
Disclosure  - Help Me Lose My Mind (Feat. London Grammar)
U.O.K. - Illusion of time
Karma Connection - E mi mancherai





8 commenti :

  1. Ho sentito che Carpeoro ha trovato un avvocato alla persona che ha subito quel grave soppruso da Salvini (e non solo). Ci tengo ha discernere l'importanza di un gesto concreto come questo, rispetto alle divergenze di opinione che si creano discutendo di certi argomenti. La pratica supera la teoria, il comportamento di Carpeoro dimostra la "genuicità" delle sue posizioni ed il valore morale dello stesso. Un saluto Cornelio Saden.

    RispondiElimina
  2. Aggiundo un link, fonte alla puntata sulle donne, dato che sono un padre separato... mi ha fatto molto piacere leggere questo articolo di Ida Magli, sono d'accordo in lei.
    Ognuno ha un lato, più/meno buono, ma oggigiorno si sta portando avanti, l animalità/sesso della donna -e attacando e minimizzando l uomo.

    http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/memoria-ida-magli-politicamente-corretto-costituisce-forma-119266.htm

    Gianni.T.R

    RispondiElimina
  3. Credo che state confondendo l'educazione sessuale nella scuola con la teoria gender.
    La prima già esiste in tutti i paesi più evoluti, e non dovrebbe costituire alcun problema, se non nella testa di chi ha certe perversioni.
    Mi spiego: se io ho paura che mio figlio venga abusato sessualmente da un adulto o è perchè io stesso ho subito un tale abuso o molto più probabilmente perchè ho pensato di compierlo; la conseguenza sarà la mia avversione verso chiunque educa mio figlio alla sessualità.
    Simone avrebbe sicuramente affrontato la transizione in adolescenza e non alla soglia dei trenta anni, evitandosi dieci anni di tossicodipendenza e i tentativi di togliersi la vita se solo ci fosse stato un educatore in grado di aiutarlo e di aiutare i suoi genitori e coetanei ad accettarlo.
    La ideologia gender è invece una mera invenzione che viene da certi fanatici del mondo cattolico che ha e sta trovando proseliti in ambienti reazionari, anche di tipo culturale e sicuramente politico.
    Essa sta facendo rientrare dalla porta di dietro ciò che a fatica si era riuscito a far uscire dalla porta principale: l' OMOFOBIA intesa come paura del gay.
    Addirittura si parla di lobby omosessuale.
    Se esiste questa potentissima e fantomatica loggia di froci, deve essere composta proprio da sfigati visto che da due anni il Governo cerca di far approvare in Parlamento le Unioni Civili, quando queste ormai esistono in tutta Europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se una cosa esiste in tutta Europa non è detto che sia una cosa "buona e santa". Conoscendo da quali Sgherri siano composti i quadri dirigenti dell'Unione Europea...le cose della "civile Olanda", della "civile Svezia"...paesi la cui densità Massonica è fortissima, mi fanno tremare i polsi. Certo anche il Belgio dei Gesuiti ci ha regalato il più tremendo scandalo di pedofilia... In fin dei conti Massoneria e Chiesa sono la stessa cosa, oggi più che mai con il Fratello Gesuita Bergoglio. Il maschio ribelle e testosteronico è stupido, è cacca bestiale del passato: bisognerà essere tutti trans e "gai", cioè avere gaiezza per il fatto di essere sodomizzati da chi ha il bastone del Potere dalla parte del manico. Piaciuta la metafora?!

      Elimina
    2. Il troppo testosterone persegue sempre il potere da qualunque parte tu ti trovi così come il troppo estrogeno lo ossequia.Purtroppo il problema è nella biologia umana, utile nella foresta ma un serio ostacolo nella evoluzione dell'essere umano sia interiore che sociale.
      I transgender sono una speranza per il futuro dell' Umanità, un progetto che la scienza e la tecnica devono aiutare. Così come siamo mi pare chiaro che siamo imperfetti e a rischio di autodistruzione.

      Elimina
    3. Caro Sergio, forse ti sfugge che siamo a rischio di autodistruzione PROPRIO PERCHÉ le foreste le distruggiamo, PROPRIO PERCHÉ violiamo le leggi eterne dei cicli della natura. Io personalmente non credo che l'Uomo sia imperfetto, e neanche che debba andar dietro a chissà che forma di evoluzione spirituale o fisica. Per me ciò che conta è l'anima, e nella società tecnologica contemporanea e futura ne vedo sempre meno...

      Elimina
    4. Ma cosa è l'Anima?
      Posso dire di essa ciò che mi pare di intuire: l' Anima è la nostra parte irrazionale, probabilmente connessa con le nostre emozioni; è il nostro inconscio; e il nostro collegamento con l'Unità, il Tutto, Dio.
      L' Anima è però inconsapevole, un grande potenziale ma " stupido " ed ha bisogno di essere guidato dalla discriminazione o ragione per acquistare coscienza di se. D'altro canto la Ragione è di veduta stretta: un labirinto senza via di uscita che ha bisogno dell' Anima per uscirne scavalcandolo; è un nodo gordiano che può essere sciolto solo con la lama dell' Anima.
      Anima e Ragione non sono il nostro corpo, sono delle sue qualità più sottili, e sono libere di modificarlo per una consapevolezza superiore, la tecnica è solo lo strumento.
      La Natura che è poi la nostra parte corporea ed istintiva mira solo a preservare se stessa, e può andare contro la nostra parte più sottile Anima e Spirito (ragione) che poi sono facce della stessa medaglia l'UNO, il TUTTO, o il NULLA, o L'ETERNO, o DIO o la COSCIENZA: ognuno gli dia il nome che più gli piace.
      La tecnica se usata bene può aiutare a ritrovare una unita tra Anima, Spirito e Corpo, non va demonizzata.

      Elimina
    5. Sergio, secondo me l'anima non è affatto stupida, e la tecnologia invece di favorire l'integrazione fra Anima, Mente, Spirito e Corpo...ne distrugge l'unità originaria. Ma come non vedi che la crescente enfasi sulla tecnica non ha fatto altro che privare gli uomini appunto della loro anima...rendendoli sempre più simili ad automi? Io la penso così.

      Elimina