lunedì 29 febbraio 2016

Massimo Chiais a Border Nights


Torna martedi in diretta dalle 22 su Web Radio Network (www.webradionetwork.eu) un nuovo appuntamento con Border Nights, la notte ai confini, con la partecipazione di Paolo Franceschetti. Primo ospite della serata sarà il prof. Massimo Chiais, docente e giornalista:" il suo settore di studi si rivolge all’ambito della comunicazione persuasiva, della disinformazione e della propaganda, con particolare attenzione alla ritualizzazione del consenso, alle tecniche di utilizzo della menzogna ed alle forme linguistiche, iconiche e simboliche della manipolazione propagandistica". 

Come sempre nel corso della puntata ci sarà l'intervento del Maestro Di Dietrologia e l'intervista di Stefania Nicoletti.

Per intervenire: bordernights@webradionetwork.eu - gruppo Facebook: border nights







4 commenti :

  1. Salve è da molto che seguo la trasmissione e devo dire che siete fantastici.grazie alla vostra trasmissione ho imparato a conoscere meglio me stesso ed a cominciare un percorso di ricerca interiore.E per questo vi ringrazio.Volevo inoltre se possibile consigliare un brano di Joe satriani chords of life È uno dei miei brani preferiti di uno dei migliori chitarristi al mondo spero che vi piaccia.

    RispondiElimina
  2. Ascoltare Pamela Scuppa, mi ha fatto sentire come se fossi davanti ad un quadro del Caravaggio: per quanto il pittore avesse una personalità discutibile, un carattere violento ed i suoi quadri presentino situazioni violente, dissacranti, non edificanti, però davanti ad alcuni di tali quadri vado in cortocircuito mentale, rimango spiazzato ed incantato.
    Lo stesso che mi pare di aver avvertito in Franceschetti.
    Nei "modi" di Pamela c'è qualcosa che incanta, per quanto le sue idee siano portate avanti male (sarebbe meglio dissimulare), e da una personalità che andrebbe arrotondata, tuttavia percepisco in lei una "volontà superiore", una volontà che viene dall' Anima, un "devo perchè devo", non importa cosa, come, e se subirò il rogo o il trattamento sanitario obbligatorio con la sottrazione delle figlie.

    RispondiElimina
  3. Franceschetti mi spieghi perchè un eterosessuale dovrebbe spacciarsi per gay al fine di avere la reversibilità, quando lo può fare molto più facilmente con una persona del sesso opposto?
    Non dare ai gay quelli che sono malcostumi dei " normali ".

    RispondiElimina
  4. Maestro di dietrologia se l'uomo di oggi è uno schifo, e concordo su tutto ciò che hai detto, mi devi dare anche una soluzione, una prospettiva, una via di uscita.
    Ha! Scusa tu sei solo maestro di dietrologia, non hai nessuna visione futura, ti nutri e vivi del passato, di luoghi comuni, come quello della tecnica cattiva e disumanizzante.
    Il problema non è la tecnica, ma l'uomo che è inadeguato rispetto ad essa, non cresce al pari di essa anzi la ostacola, la usa solo laddove serve il potere, il tanto "naturale" istinto di sopravvivenza che comporta il mio vivere a scapito del tuo morire.
    E allora cosa c'è di sbagliato nel pensare che la tecnica possa migliorare l'Essere Umano,accelerarne la crescita prima che si autodistrugga. Sarebbe una benedizione per la Umanita!
    Se uno pensa male di una cosa, non è perhè quella cosa sia male, ma perchè quel male è nella sua testa, nei suoi geni, nel suo istinto di sopravvivenza, ormai sovradimensionato, che ti fa dubitare di tutto, indietreggiare e trovare scuse di ogni sorta pur di non farti avanzare, anche quando è chiaro che non vi è alcun pericolo ma benefici.
    E'vero che qualcuno userà la genetica per creare esseri più asserviti, tipo il militare perfetto o il consumatore compulsivo ideale, ma lo farà comunque, e ci riuscirà se trova terreno fertile nella nostra naturale permalosità.
    Tutti dovremmo essere dalla parte di chi vuole creare l'essere più consapevole, sarà questo uomo nuovo che darà concretezza a ciò che in te è solo un inutile ed ipocrita lamento.
    Quanto ad Hitler ed il nazismo preferisco sospendere il giudizio, perchè credo che nessuno possa raccontare cosa sia realmente successo, se non una storia fatta dai vincitori: gli Stati Uniti, che però sono stati capaci di massacrare tremila dei loro connazionali nel crollo delle Twin Towers, in diretta televisiva mondiale, per giustificare gli interventi militari in Iraq ed Afghanistan, facendoci sopra anche degli sporchi affari economici ( vedi documentario di Massimo Mazzucco ).
    Ad andare troppo indietro si rischia di prendere delle cantonate e faresti bene anche tu, Maestro di Dietrologia a sospendere il giudizio.

    RispondiElimina